La meraviglia salverà l’uomo (e forse anche il counseling)!

Senza categoria 29 novembre 2015

mountain-lake-1030924_1920

Circa una settimana fa, mentre facevo colazione e scorrevo
la mia bacheca Facebook, mi imbattei inavvertitamente in una
notizia a dir poco straordinaria: il Consiglio Nazionale dell’Ordine
degli Psicologi aveva fatto ricorso in tribunale contro il Counseling.

La psicologia contro il Counseling. Scontro finale.

“Meraviglioso!”, pensai. E non avevo ancora finito di mangiare
che già mi ero messo a scrivere un commento alla notizia,
quando la voglia passò e l’idea di uscire a fare
una passeggiata divenne troppo forte.

Stanotte però ho fatto un sogno, come a dire
che il mio inconscio è tornato sull’argomento.

Nel sogno facevo colazione guardando sull’iphone
la mia bacheca Facebook, solo che le notizie erano sempre
più strane: c’era un presunto Ordine Nazionale dei Fisici che faceva
ricorso contro i Biologi. E i Biologi che a loro volta intentavano
causa agli Psicologi; e pure le Neuroscienze ce l’avevano
con la Psicologia e protestavano. I Matematici, poi,
ce l’avevano un po’ con tutti, ma a loro non
li stava a sentire quasi nessuno.

Nel sogno, i Counselor si erano uniti con gli Astronomi
contro gli Astrologi, mentre si sapeva che i Notai si stavano
preparando a prendere provvedimenti contro le Promesse tra Amici,
che secondo loro erano un abuso della professione bell’e buono.

I Giudici ce l’avevano col Signore e anche coi Preti,
che a quel punto non sapevano più come difendersi e
chiedevano di spostare la sede del Processo su nei Cieli.

A sentir “Cieli”, però, si arrabbiava l’Ordine dei Piloti di volo,
perché i Cieli, dicevano, erano i loro, a meno che i preti
non avessero potuto dimostrare d’aver passato
un adeguato numero di ore nel simulatore.

Nel frattempo, i Dentisti avevano presentato un esposto al Tar del Veneto
contro le Insegnanti che in classe staccano il dentino traballante
ai bambini perché non avevano seguito nessun corso
di studi specifici.

Gli ingegneri si azzuffavano con gli architetti
che ce l’avevano coi geometri, che manifestavano
contro gli appassionati di bricolage,

mentre l’Associazione Calciatori Professionisti aveva parole
dure per i campetti, le partitelle, i quattro calci a un pallone,
perché, a sentir loro, erano modi di mascherare
un’attività del tutto fuorilegge.

Di punto in bianco l’Ordine Nazionale dei Cuochi aveva deciso
di citare in giudizio le Mamme che preparano le torte ai compleanni,
perché, sostenevano, se si superano i cinque bambini invitati la festa
diventa un affare serio e bisogna chiamare uno Chef, un
Professionista della Ristorazione, non si può certo
continuare a far da sé, avevano fatto sapere.

I Croupier avevano preso d’assalto i circoli ricreativi per anziani,
interrompendo ogni partita. Senza di loro non si poteva giocare a carte!
Ma uno dei problemi più gravi era il non potersi muovere perché l’Ordine
dei Ciclisti aveva vietato l’uso della bicicletta ai non professionisti
e quello dei Tassisti e degli Autisti l’uso della macchina a chi
non aveva una regolare licenza. A piedi, poi, non si poteva
andare perché il Congresso Nazionale Podisti doveva
ancora valutare se ci fossero delle incongruenze.

D’altra parte star fermi non si poteva perché
l’Ordine delle Statue Viventi aveva fatto sapere che così
sarebbe stata definitivamente delegittimata la loro
attività, e così via…


Il sogno durava ancora tanto, ma non credo sia il caso
di raccontarlo per intero. Spero che l’affare “Psicologia contro
Counseling” possa essere la spinta definitiva che a tanti mancava per
dire addio alle definizioni, ai nomi, alle targhe sulle porte, ai corsi,
alle mille associazioni che si inventano nuove professioni
scambiandole e facendole scambiare per realtà.

Meraviglia è fare ciò che si sa fare.
Meraviglia è farlo bene, prepararsi, studiare.
Meraviglia è dubitare che un sistema come quello del
“mi iscrivo, pago, frequento il corso, ottengo il titolo, e sono pronto”
garantisca alcunché. Meraviglia è ribaltare la cieca credenza in
questo sistema. Meraviglia è aver ben chiaro che certe
cose non si possono insegnare (al massimo,
solo fino a un certo punto) e che spesso
sono proprio le più importanti.

Saper stare coi bambini non lo si insegna all’università, a scienze
della formazione, così come l’amore per gli animali non è un esame a
veterinaria. Empatizzare con il paziente non è qualcosa che si impara
a medicina, né la passione per la giustizia si infonde in tutti i
laureati in giurisprudenza. I filosofi non sono certo quelli
che per forza sanno qualcosa in più degli altri sulla
verità, né gli artisti sul bello. Non funziona così.

Meraviglia sarà non far fare la fine del Counseling a tante
altre attività, e non certo per colpa degli psicologi
o di qualche altro “gruppo potente”…

Meraviglia sarà quando ciascuno farà un passo indietro,
guarderà la realtà come da sotto il palcoscenico
e… Meraviglia!

(informazioni al sito ufficiale: www.filosofiacoibambini.net)